Ha scaraventato a terra la figlia appena nata mentre la stava allattando, uccidendola, e ha tentato a sua volta di uccidersi, ferendosi con un coltello alla gola. L’episodio è avvenuto domenica sera a Lisiera di Bolzano Vicentino, piccolo paese in provincia di Vicenza. La bambina, di soli tre giorni, è morta nella notte all’ospedale San Bortolo di Vicenza, mentre la madre, una donna di 41 anni, forse colpita da una crisi “post partum”, è stata arrestata ed è ricoverata nel reparto di Psichiatria dello stesso nosocomio.

Il taglio che si è auto-inferta non è giudicato grave. A intervenire, dopo aver assistito alla scena, è stato il marito della donna che ha chiamato immediatamente i soccorsi. Nonostante i tentativi dei medici nel reparto di terapia intensiva pediatrica, per la neonata non c’è stato nulla da fare. Ora sul caso indagano i carabinieri della compagnia di Thiene, nel Vicentino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, arrestato un 26enne accusato di aver travolto e ucciso il tassista “Zulu15”

next
Articolo Successivo

Stefania Crotti, l’autopsia sul corpo della donna uccisa dall’ex amante del marito: “Forse è stata arsa viva”

next