Ha scaraventato a terra la figlia appena nata mentre la stava allattando, uccidendola, e ha tentato a sua volta di uccidersi, ferendosi con un coltello alla gola. L’episodio è avvenuto domenica sera a Lisiera di Bolzano Vicentino, piccolo paese in provincia di Vicenza. La bambina, di soli tre giorni, è morta nella notte all’ospedale San Bortolo di Vicenza, mentre la madre, una donna di 41 anni, forse colpita da una crisi “post partum”, è stata arrestata ed è ricoverata nel reparto di Psichiatria dello stesso nosocomio.

Il taglio che si è auto-inferta non è giudicato grave. A intervenire, dopo aver assistito alla scena, è stato il marito della donna che ha chiamato immediatamente i soccorsi. Nonostante i tentativi dei medici nel reparto di terapia intensiva pediatrica, per la neonata non c’è stato nulla da fare. Ora sul caso indagano i carabinieri della compagnia di Thiene, nel Vicentino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, arrestato un 26enne accusato di aver travolto e ucciso il tassista “Zulu15”

prev
Articolo Successivo

Stefania Crotti, l’autopsia sul corpo della donna uccisa dall’ex amante del marito: “Forse è stata arsa viva”

next