“Quei sondaggi sono quelli che non ci hanno mai dato come prima forza politica durante le elezioni nella campagna elettorale per le politiche. Io non credo nei sondaggi. Non ci ho mai creduto quando andavano bene e non ci ho mai creduto quando vanno male. Io credo nei sondaggi delle persone, alle piazze, ai mercati, ma credo soprattutto a un’altra cosa, ai dati che devono migliorare la qualità della vita degli italiani”. Lo ha detto il vicepremier e ministro del Lavoro, Luigi Di Maio commentando, nel corso di una passeggiata al mercato comunale di Teramo a margine del tour elettorale in Abruzzo per sostenere il candidato presidente alla Regione, Sara Marcozzi, i dati pubblicati oggi che vedono la Lega volare al quasi al 36% e ripiegare i 5 Stelle al 25,4%. “Questa è la settimana in cui abbiamo approvato il reddito di cittadinanza, quota 100 – ha spiegato – è il terzo mese in cui è in vigore il decreto ‘Dignità’ che sta migliorando la qualità del lavoro, nel senso che sta migliorando la stabilità dei contratti. Poi quelli stessi sondaggi che non ci hanno preso alle politiche, non ci prenderanno neanche alle Europee, come sempre”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista