La Range Rover che guidava si è ribaltata dopo essersi scontrata con un’altra auto che viaggiava nella corsia opposta. Ma il principe Filippo, anche se sotto choc, è uscito illeso dall’auto. Nonostante l’età, 97 anni, il principe consorte e duca di Edimburgo è stato ripreso più volte, anche in anni recenti, al volante mentre scarrozzava ad esempio – assieme alla regina – con l’allora presidente americano Barack Obama e sua moglie Michelle, in visita nel Regno Unito. Oggi, invece, il principe – ancora attivo malgrado il ritiro ufficiale dalla scena pubblica – stava rientrando nella residenza reale di campagna di Sandringham, nel Norfolk.

Le prime immagini dell’incidente sono piuttosto impressionanti e lasciano pensare che il duca di Edimburgo sia stato decisamente fortunato, se le notizie delle sue condizioni saranno confermate. Fonti della polizia hanno da parte loro ribadito che il principe Filippo è uscito dall’auto cosciente e non ferito, seppure scioccato, mentre due persone che erano nella seconda automobile coinvolta nell’incidente sono state medicate per contusioni lievi.

(immagine d’archivio)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Colombia, autobomba all’Accademia di polizia di Bogotà: 9 morti, oltre 40 feriti

prev
Articolo Successivo

Costa d’Avorio, ex presidente Gbagbo assolto per i 3mila morti del 2010. E l’Africa si fida sempre meno dell’Aja

next