Ieri netta sconfitta di Theresa May al Parlamento inglese. La Brexit è sempre più complicata, il giocattolo si è rotto in mille pezzi e nessuno riesce più a metterli insieme. Che cosa accadrà oggi? Chi lo sa? Un nuovo referendum, l’allungamento della data… vedremo. Quello che è certo è che tu puoi promettere di tutto per vincere un referendum o una campagna elettorale come fanno i populisti ma le bugie dei populisti hanno le gambe corte”. Lo dice Matteo Renzi in un video postato sulla sua pagina Facebook. “Dicevano: con la Brexit sarà semplicissimo uscire dall’Europa. Falso. Con la Brexit avremo più soldi per la sanità. Falso. Con la Brexit avremo una Gran Bretagna più forte e autorevole. Falso. Quello che sta accadendo in queste ore – rimarca l’ex premier – è la dimostrazione che i populisti ti possono fregare sul breve periodo ma poi la realtà implacabile presenta il conto. Il tempo è davvero galantuomo, a Londra come a Roma”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Foietta: “Referendum? Scelte siano tecniche, non popolari. L’opera è necessaria, Toninelli mi riceva”

next
Articolo Successivo

Presidenza parco del Circeo, Lega boccia il nome proposto da Costa. Il ministro: “Niente diktat, partiti fuori dalle nomine”

next