“La corruzione nel nostro Paese è grave e sistemica, molto infiltrata nel mondo degli appalti. Forse è minore di quello che viene percepita, ma non può essere sottovalutata”. A rivendicarlo il presidente dell’Anticorruzione Raffaele Cantone, a margine dell’iniziativa dell’Eurispes sulla ricerca “La corruzione tra realtà e percezione”. “In materia di prevenzione mancano una serie di strumenti, a partire da una seria legge sul conflitto d’interessi, che è spesso l’anticamera della corruzione”, ha rilanciato il presidente dell’Anac.
All’evento era presente anche il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, che è tornato a elogiare le nuove norme sull’Anticorruzione (approvate con il cosiddetto ‘Spazzacorrotti’, ndr), ma ammonendo invece sui rischi per l’innalzamento della soglia per l’affidamento diretto degli appalti pubblici, inserito nell’ultima manovra: “Esiste l’esigenza di velocizzare gli appalti, ma c’è anche l’esigenza di proteggerli. Il tema che si discute oggi è quello dell’infiltrazione di cartelli mafiosi negli appalti ed è evidente che, di fronte a questo pericolo, si avrebbe la possibilità di una partecipazione più agevole per gli esponenti delle mafie”, ha avvertito il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Paola Taverna, madre sfrattata dalla casa popolare. La senatrice M5s: “Accanimento che mi fa schifo”

prev
Articolo Successivo

Toscana, M5s contro Lega: “La sindaca Ceccardi non ha risolto il problema dei rom. Si sono spostati nel comune vicino”

next