Hanno preteso “silenzio assoluto”, costringendo i volontari “ad ascoltare l’integrale lettura di un comunicato che stigmatizzava” l’attività dell’associazione. I pm di Como hanno chiuso le indagini sull’irruzione di un gruppo del Veneto Fronte Skinheads del 28 novembre 2017, durante una riunione del movimento “Como senza frontiere” in cui si discuteva di migranti. Per questi motivi ai tredici indagati è contestata l’accusa di violenza privata.  

L’irruzione delle teste rasate nei locali del Chiostro Sant’Eufemia dove si stava tenendo la riunione era stata denunciata dalla stessa associazione con una nota e un video pubblicato sul canale di Ecoinformazione Arci. “Sono entrati e ci hanno accerchiato, è stata una vera e propria intimidazione”, raccontava Annamaria Francescato, portavoce della rete Como senza frontiere, il giorno dopo l’incursione. Annamaria si trovava assieme ai rappresentanti di altre associazioni, sindacati e sigle politiche nella sede dell’associazione Artficio di via Terragni 4 quando gli skin “con atteggiamento squadrista” si sono presentati alla riunione e “dopo averci accerchiati hanno distribuito i volantini con la loro rivendicazione. Ci hanno insultati un po’. Noi non abbiamo reagito”, raccontava.

Nella ricostruzione dei pm coordinati dal procuratore Nicola Piacente, i tredici che hanno ricevuto l’avviso di chiusura delle indagini, l’atto che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio, sono accusati di violenza privata per avere, scrivono , “in concorso tra loro, quali militanti del Veneto Fronte Skinheads”, fatto irruzione “senza alcun preavviso (pur avendola pianificata ed organizzata) nei locali del Chiostro Sant’Eufemia” con “fare intimidatorio“. Si erano poi sistemati “alle spalle dei volontari dell’associazione”, pretendendo “silenzio assoluto”.

È contestata, stando all’avviso di chiusura delle indagini, l’aggravante di aver commesso il fatto in più persone riunite e per uno degli indagati, residente in provincia di Como, di aver “promosso ed organizzato” il reato “con invio di messaggi di carattere organizzativo, inerenti anche l’abbigliamento da indossare in occasione della irruzione, e logistico”.  La vicenda era stata ricostruita dalle indagini e dall’analisi del materiale sequestrato in occasione delle perquisizioni eseguite alcuni giorni dopo l’irruzione dagli agenti della Digos di alcune città del Nord Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tifoso interista morto, Piovella resta in carcere. Il gip: “Ostacola le indagini e segue le regole di omertà della curva”

next
Articolo Successivo

Montante, legale chiede il trasferimento del processo per legittimo sospetto

next