A pochi giorni dalla fine del 2018 è giunto il momento di fare classifiche e bilanci dell’annata esport. La prima riguarda i 10 montepremi (totali) più alti per gioco, distribuiti nel corso dell’intera annata dalle relative competizioni, stilata da The Esports Observer e basata sui dati raccolti da Esports Earnings. Il primi risultati che saltano all’occhio vedono i tre principali titoli competitivi incrementare la somma di denaro andata in premi rispetto al 2017, mentre Fortnite e PUBG, le due new entry rappresentanti il genere Battle Royale, sono riusciti ad entrare di prepotenza nella Top5 in appena dodici mesi.

I soli montepremi della top 10 raggiungono una volta sommati una cifra che si aggira intorno ai 130 Milioni di dollari, cifra destinata secondo le previsioni a crescere ulteriormente nel 2019. Vediamo nel dettaglio la classifica:


#10 – Call of Duty WWII: 4,17 Milioni $ (Activision)

Il circuito 2018 di Call of Duty si è chiuso con la CoD World League. Rappresenta al momento il titolo esport per console più giocato insieme a FIFA, nonostante non rientri più tra i favoriti di molti giocatori professionisti; su ciò indubbiamente ha pesato anche la ricezione di World War II, il capitolo su cui si è basata la stagione 2018, e la strutturazione della stagione stessa. Questo però non ha impedito ad Activision di proporre un montepremi superiore ai 4 Milioni di dollari per l’intera annata. Per la stagione 2019 si passerà a Black Ops 4, l’ultimo titolo della saga uscito ad Ottobre.


#9 – StarCraft II: 4,53 Milioni $ (Blizzard)
Il suo predecessore -Starcraft – è considerato storicamente il primo esport moderno mai esistito, e nonostante gli 8 anni dal lancio l’RTS di Blizzard si difende ancora più che bene sul lato del montepremi totale dei tornei. Nel 2018 ci sono state 12 competizioni di Starcraft II con almeno 100.000 $ in palio, consideranti i vari DreamHack e tornei paralleli. Una stagione che si è chiusa con il milione e 400.000 dollari di montepremi assegnati alle World Championship Series Finals disputate ad inizio novembre durante il Blizzcon.


#8 – Hearthstone: 4,95 Milioni $ (Blizzard)
L’incremento dei montepremi rispetto al 2017 è tra i più alti in ambito esport: +42,3%. Il contributo maggiore è arrivato dalle finali dell’Hearthstone World Championship 2017 (disputate a gennaio 2018) con 1 Milione di dollari di montepremi. Durante la stagione attuale, poi, altre cinque competizioni del circuito ufficiale e di quello parallelo hanno visto cifre al di sopra dei 500.000$, contro gli “appena” 332.000 dollari che nel 2017 costituivano la vetta più alta raggiunta.

Esport: i 10 titoli che hanno distribuito i montepremi più alti nel 2018, dagli storici CSGO e Dota2 alla new entry Fortnite

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le automobili senza chiavi sono facili da rubare e non c’è (quasi) nulla da fare

prev
Articolo Successivo

Parlare in pubblico, presto comunicheremo meglio grazie a un’app italiana (che ha bisogno delle nostre voci)

next