Si aggrava la posizione di Mario Oliverio nell’inchiesta su appalti e favori condotta dalla procura di Catanzaro. Il governatore della Regione Calabria, già accusato di abuso d’ufficio, è ora indagato anche per corruzione. I magistrati guidati dal procuratore Nicola Gratteri hanno notificato un nuovo avviso di garanzia dopo quello dello scorso 17 dicembre, giorno in cui il giudice per le indagini preliminari aveva emesso nei confronti dell’esponente del Pd anche un obbligo di dimora.

Il rischio che le accuse nei confronti di Oliverio potessero aggravarsi – come scritto da Ilfattoquotidiano.it – era stato illustrato chiaramente dal gip Pietro Carè nell’ordinanza di applicazione delle misure cautelari. Spiegando che il fine primo del governatore sarebbe stato quello della “lotta politica sebbene di quella più deteriore che si possa immaginare provenire da parlamentari o ex parlamentari della Repubblica”, ad avviso di Carè, “non si può trascurare come essa si inserisca in un rapporto di scambio” con l’imprenditore Giorgio Ottavio Barbieri che “appare riduttivo definire clientelare, potendo ben sconfinare nel terreno della corruzione”.

Ora gli aggiunti Vincenzo Capomolla e Vincenzo Luberto e il pm Alessandro Prontera hanno deciso di formulare la nuova accusa, ‘caldeggiata’ dal giudice per le indagini preliminari. L’inchiesta della Dda di Catanzaro riguarda gli appalti per la realizzazione della sciovia di Lorica e dell’aviosuperficie di Scalea, appalti affidati entrambi all’impresa di costruzioni “Barbieri srl”. Il titolare della stessa impresa, ritenuto vicino alla cosca di ‘ndrangheta dei Muto di Cetraro, era stato arrestato lo scorso 17 dicembre scorso.

Arresti domiciliari, nell’ambito della stessa inchiesta che conta complessivamente 16 indagati, erano invece stati disposti nei confronti del dirigente del dipartimento Programmazione nazionale e comunitaria della Regione Calabria, Luigi Zinno, mentre per un’altra dirigente regionale, Paola Rizzo, responsabile del Settore di coordinamento e sorveglianza dei fondi comunitari, era stata sospesa.

Secondo gli inquirenti, nonostante fosse a conoscenza della situazione finanziaria deteriorata della azienda di Barbieri, il governatore del Pd era comunque intervenuto in suo favore garantendo “l’indebita percezione di capitale pubblico a fronte di opere ineseguite o comunque non funzionali”, scriveva il gip Pietro Carè nell’ordinanza, con un finanziamento aggiuntivo di 4,2 milioni di euro, deliberato dalla Giunta regionale il 13 maggio 2016, per la sciovia di Lorica. Come “controprestazione”, secondo gli inquirenti, aveva chiesto di rallentare i lavori in piazza Belotti a Cosenza, dove governava la giunta di centrodestra presieduta dal sindaco Mario Occhiuto, grazie anche al “contributo causale” degli esponenti del Pd Nicola Adamo ed Enza Bruno Bossio, rispettivamente ex ed attuale parlamentare, entrambi non indagati.

“Abbiamo fornito tutti gli elementi a discarico rispetto ad accuse che riteniamo infondatissime. La Procura era rappresentata da tre pm che si sono divisi il compito di replicare alla difesa, ma lo hanno fatto malamente perché gli indizi a carico del nostro assistito sono davvero effimeri, se ve ne sono. Siamo fiduciosi che il nostro ricorso sarà accolto”, aveva spiegato Enzo Belvedere, difensore del presidente della Regione Calabria, dopo l’udienza del Tribunale del riesame di Catanzaro davanti al quale si è discusso il ricorso per chiedere la revoca dell’obbligo di dimora.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riparte il futuro, gli archeologi che hanno detto no alle mazzette: “Esposti alla corruzione, ma uniti si resiste”

prev
Articolo Successivo

Nobel per la Pace, candidiamo Mimmo Lucano e ricordiamo all’Italia che si deve resistere

next