Un ordigno rudimentale è esploso giovedì mattina di fronte alla chiesa di Aghios Dionysios, ad Atene, in Grecia. Due persone sono rimaste ferite: un poliziotto, ricoverato con ferite lievi al volto e alle mani, e il custode dell’edificio. Secondo una prima ricostruzione, l’ordigno era contenuta all’interno di una scatola di metallo, lasciata proprio davanti alla basilica ortodossa: testimoni hanno raccontato che l’esplosione è stata molto forte. L’attentato non è stato ancora rivendicato. Solo dieci giorni fa l’esplosione, nei sobborghi della capitale greca, che ha danneggiato la sede televisiva di Skai tv e quella del quotidiano Kathimerini, provocando solo danni materiali ingenti.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spagna e Messico, i rapporti economici crescono sempre di più. E il merito è anche di Trump

next
Articolo Successivo

Aggressività, serve una nuova forma di educazione. Ma forse la violenza fa parte dell’essere umano

next