Non sarebbe il caso di smetterla di festeggiare le ricorrenze uccidendo? A Pasqua gli agnelli, all’ultimo dell’anno lo zampone con le lenticchie, alla festa del Ringraziamento negli Usa il tacchino. E basta, perdio. Perché degli esseri  viventi devono morire per arrecare a noi gioia? Che alla Resurrezione di Cristo debba corrispondere una strage di agnelli è vomitevole. Che debba portare fortuna uccidere un maiale è insensato. Tradizioni? Anche la corrida è una tradizione. Anche le fattorie della bile e la zuppa di pinne di squalo in Cina sono una tradizione. E così pure il foie gras in Francia. E chissenefrega delle tradizioni. La storia umana mica è statica: si evolve, forse si involve, e comunque muta.

Adesso arriva il Natale. Spiegatemi il senso di andare a segare degli abeti per addobbarli. Nessuno. Uccidere un bellissimo albero, spesso maestoso, per addobbarlo e poi farne legna da ardere, ben che vada, quando non sarà gettato via (le resinose non vanno bene per il caminetto). Non sarebbe meno cruento, più educativo per i bimbi, addobbare un albero vivo? Proverà sicuramente un po’ di fastidio quell’albero (mi immagino io al suo posto dover sopportare per qualche settimana le luminarie), ma sarà un fastidio a termine e sarà sempre meglio che essere segato! E poi gli alberi ci parlano. Andiamo con i nostri figli in un bosco e insegniamo loro a capire quel linguaggio. Insegniamo loro ad abbracciare un tronco. Non a segarlo.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Quant’è utile il pensiero computazionale in politica?

prev
Articolo Successivo

“Con la nostra start-up vogliamo fare qualcosa per la Calabria, la nostra terra. Altrimenti qui non c’è futuro”

next