Numeri scritti con il pennarello sulle braccia dei bambini migranti che si trovano a Juarez, in Messico, in attesa di attraversare il confine con gli Stati Uniti. Lo ha rivelato l’emittente americana Msnbc, che ha diffuso un video che in breve tempo ha fatto il giro del mondo.  La pratica di scrivere con il pennarello sugli avambracci dei bimbi ha ricordato i tatuaggi dei prigionieri del nazismo, scatenando un’ondata di indignazione anche sui media israealiani. Nei video diffusi online si vedono bambine e bambini scoprire le braccia e i polsi per mostrare i numeri, che sembrano scritti con pennarelli scuri. Sempre secondo l’emittente, i numeri sono stati scritti “dagli agenti della polizia di frontiera messicana

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Messico, bimbi al confine marchiati sul braccio. Siamo complici anche stavolta?

next
Articolo Successivo

Ungheria, migliaia in piazza contro Orban Picchiati due deputati dell’opposizione

next