I volontari della Caritas di Aversa hanno denunciato di essere stati aggrediti da una baby gang nella notte tra sabato 8 e domenica 9 dicembre, mentre assistevano i senzatetto in stazione. Don Carmine Schiavone, il responsabile dell’organismo pastorale della città in provincia di Caserta, ha raccolto la testimonianza del gruppo e ha quindi raccontato quanto successo ai Carabinieri. A spintonare e offendere i volontari, secondo Schiavone, una decina di minori che hanno agito per colpire i senza fissa dimora. Nessuno degli aggrediti ha avuto bisogno di cure mediche. I carabinieri stanno indagando sull’episodio, cercando di ricostruire l’accaduto e di identificare i minorenni visionando le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona.

“I volontari – ha spiegato il sacerdote all’Avvenire – stavano facendo il consueto giro notturno, attività tesa a fornire sostegno morale e beni di conforto ai senza fissa dimora che abitano le nostre piazze. Il gruppo dei dieci minorenni ha scambiato una delle volontarie per una senza dimora che noi abbiamo tolto dalla strada e sta in accoglienza. Si sono avventati contro di lei insultandola e poi aggredendola fisicamente con degli schiaffi. I volontari hanno cercato di scappare, ma li hanno inseguiti urlando che non dovevano aiutare i ‘barboni’, chiamandoli in tutti i peggiori modi”.

Gli stessi clochard, secondo Schiavone, sarebbero stati l’obiettivo delle violenze. “Alla stazione sono solo italiani – precisa don Carmine – e quindi in questo caso non siamo di fronte a un caso di razzismo verso gli immigrati ma di intolleranza nei confronti dei più poveri, il gusto di picchiare i clochard”. Lo stesso episodio era successo cinque anni fa. All’epoca il sacerdote chiamò subito la Polizia e gli aggressori, sempre minorenni, vennero arrestati. Ora, racconta infine don Carmine, i Carabinieri hanno deciso di scortare i volontari nelle uscite in notturna. “È proprio assurdo. Ma siamo arrivati a questo livello…”, ha concluso il sacerdote.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gender, un cavaliere dello Zodiaco è stato reso donna. Guarda caso, quello pacifista e vestito di rosa

next
Articolo Successivo

Premio alla carriera a Fuksas, non alla moglie (partner di studio). La petizione per la parità in architettura: #timefor50

next