La caccia all’attentatore di Strasburgo sta impegnando 350 persone tra uomini del BRI, (Brigade de Recherche et d’Intervention), RAID (Recherche, assistance, intervention, dissuasion) e militari dell’operazione Sentinelle. Mobilitati anche gli uomini del Gign (Groupe d’intervention de la police nationale) di Dijon. Nella notte sono state effettuate verifiche nell’ambiente frequentato dall’attentatore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, per la premier Theresa May mozione di sfiducia. Conservatori hanno raggiunto numero di voti necessari

next