Il vicepresidente Luigi Di Maio parla della vicenda dell’azienda del padre, caso sollevato da ‘Le Iene‘. “La piscina? Non sapevo fosse un reato stare in un piscina in Pvc – afferma Di Maio – la stalla con cucina e piscina? Io ho detto che era una stalla mica che è una stalla” prova a giustificarsi il leader M5S. “Ora mio padre si è preso le sue responsabilità mettendoci la faccia, io metto in liquidazione l’azienda e quindi quell’azienda non lavorerà più. Adesso però possiamo anche finirla qui, perché tutto quello che dovevamo dire l’abbiamo detto”.

Eppure resta il sospetto avanzato dall’inchiesta giornalistica che Luigi Di Mio abbia fatto da prestanome per il padre in difficoltà con Equitalia, al fine di mettere al riparo dai creditori i beni di famiglia. Su questo il vicepresidente e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico nega: “Lui ha chiuso la sua azienda perché aveva troppi debiti e lui non ha sottratto allo Stato i beni che il creditore voleva aggredire, anzi sono stati aggrediti perché a mio padre sono stati ipotecati terreni e un edificio”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giornata disabilità, Fontana: “Dopo di noi? Cercheremo di rifinanziare il taglio dei fondi fatto con l’ultima manovra”

prev
Articolo Successivo

Global Compact, Salvini: “Conte non andrà a Marrakech”. E sulle europee: “Alleanza con Ppe? Non escludo nulla”

next