L’appuntamento era al civico 2 di via Rovani, storica residenza milanese di Silvio Berlusconi, per l’ora di pranzo. Invitati Giorgia Meloni e Matteo Salvini, per discutere principalmente delle prossime elezioni regionali e, inevitabilmente, degli equilibri nel centrodestra. Ma il vicepremier della Lega ha disertato, mandando al suo il fidato Giancarlo Giorgetti. L’Adnkronos racconta di un Salvini molto irritato per la ‘fuga di notizia’ su un vertice che voleva rimanesse segreto per evitare di creare strumentalizzazioni in chiave governo e tensioni politiche con Luigi Di Maio. Il leader del Carroccio ha quindi preferito restare a Milano con i figli, facendo però arrabbiare soprattutto i vertici di Fratelli d’Italia. Uscendo da via Rovani, Ignazio La Russa ha commentato: “Ci siamo meravigliati e anche un po’ irritati” per questo forfait, “è chiaro che sta attraversando un momento di grande difficoltà al governo con i Cinque stelle“.

Silvio Berlusconi aveva concordato con Salvini e Meloni un trilaterale per fare il punto della situazione sulle prossime regionali. L’appuntamento era noto da giovedì mattina, tanto che Salvini a Porta a porta su Rai1 in serata aveva detto: “Con Berlusconi ci vedremo presto“. Poi, quando la notizia è diventata pubblica, da via Bellerio è stato comunicato il forfait del ministro dell’Interno perché “non vorrebbe alimentare ricostruzioni maliziose rispetto alla sua presenza all’incontro, magari in funzione anti Di Maio”. Specialmente in un momento in cui il suo alleato di governo è alle prese con la vicenda del padre.

Al posto di Salvini è arrivato in via Rovani il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giorgetti. A fine vertice, uscendo dalla residenza di Berlusconi, si è limitato a rispondere “benino” a chi gli ha chiesto come fosse andato l’incontro. Un fiume in piena invece La Russa, portavoce dell’insoddisfazione interna al centrodestra per l’assenza di Salvini. “Lo sanno tutti che noi del centrodestra dobbiamo vederci per definire le candidature alle prossime regionali. Non capisco cosa ci sia di tanto riservato in tutto questo…”, ha detto il vicepresidente del Senato. “Si vede che ha dei grossi problemi con i Cinque stelle. Noi l’avevamo detto sin dal primo momento che con M5S non ci staremo mai al governo, sapevamo che si sarebbero create, e ci saremmo poi trovati, situazioni imbarazzanti come questa”. Poi La Russa insiste: “È un problema suo di rapporti personali con i Cinque stelle, ma noi lo abbiamo considerato strano e anche un po’ irritante, perché, insisto, è notorio che facciamo le liste di centrodestra, non possiamo nasconderci…“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Genova, l’assessore leghista celebra il dl Sicurezza. Ma un mese fa ha votato per raddoppiare i posti negli Sprar

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, gradimento del Governo Conte al 56%, ma per il 51% la manovra è da modificare. Lega al 32 e M5s al 28

next