Passano i mesi e monta la rabbia dei commercianti di Certosa, isolati dal resto della città a seguito del crollo del ponte Morandi. Alle 18 di ieri era previsto un incontro con il viceministro alle Infrastrutture, Edoardo Rixi, il presidente della Regione, Giovanni Toti, e il sindaco e commissario straordinario alla ricostruzione Marco Bucci, ma appena è arrivata la notizia del rinvio dell’appuntamento per altri impegni istituzionali, i commercianti hanno deciso di darsi ugualmente appuntamento in piazza, alle 21, e marciare in corteo fino ai cancelli che delimitano la zona rossa. “Questa sera abbiamo indossato questi gilet gialli e arancioni per farci vedere e sentire – spiegano gli organizzatori dell’iniziativa – a quattro mesi dal crollo del ponte non possiamo accontentarci delle promesse, le nostre attività rischiano di chiudere e così il nostro futuro è in forse”. Presente un centinaio di persone nonostante l’appuntamento arrivato all’ultimo, è bastata la sola convocazione dell’assemblea pubblica a convincere i vertici delle istituzioni locali a fissare un incontro con una delegazione di commercianti per domani mattina in Regione, mentre la presentazione del decreto Genova e l’incontro con la cittadinanza inizialmente previsto per ieri è stato rinviato a mercoledì 5 dicembre alle 18 al teatro “Gilberto Govi” di Bolzaneto. “Dall’incontro di domani ci aspettiamo date certe, altrimenti saremo pronti a farci sentire – spiegano i commercianti riuniti in assemblea – saremo pacifici, ma determinati a non mollare”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, Madrid: ‘Italia e Malta rifiutano di accogliere 12 salvati davanti alla Libia’

prev
Articolo Successivo

Assenteismo, scoperti in Sicilia 42 “furbetti del cartellino”: 11 arresti. “Manipolavano il sistema delle presenze”

next