Ghiaccio è un documentario che racconta la storia di Kebba, James, Edward, Seedia, Lamin, Joseph, 6 richiedenti asilo che dall’Africa sono arrivati in val Pellice, in Piemonte, e ora sono in attesa di conoscere il loro futuro.  Nel posto climaticamente più distante dalla loro terra d’origine, i ragazzi hanno fondato la prima squadra europea di curling di rifugiati: l’Africa First Curling Team. E quest’anno sono stati ammessi al campionato nazionale pur non essendo cittadini europei.
Ora inizia la vera sfida: riusciranno a trovare una collocazione nella loro nuova vita proprio grazie al ghiaccio, quell’elemento che prima avevano visto solo in un bicchiere di coca cola?
Il film segue le vicende del gruppo, tra integrazione e burocrazia, mantenendo l’attenzione sul curling come mezzo di riscatto sociale e umano, una prospettiva originale per raccontare una storia di integrazione.

Il documentario, opera prima del fotografo Tomaso Clavarino ha già avuto il sostegno da parte di Film Commission Torino Piemonte e dalla Diaconia Valdese, e ora la casa di produzione (ActingOUT) ha lanciato una campagna di crowdfunding per iniziare a sensibilizzare il pubblico sui temi che racconta il film e per riuscire a coprire i costi di realizzazione del film

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl sicurezza, “così i piccoli Comuni rinascono grazie ai migranti. Con il taglio degli Sprar danni alle economie locali”

next
Articolo Successivo

Violenza sulle donne, Istat: “Nel 2017 in 49mila si sono rivolte ai Centri. Il 56% delle operatrici ci lavora da volontaria”

next