Quali e quanti beni lo Stato ha confiscato alle mafie, e che fine fanno? Se vi interessa conoscere le risposte collegatevi al sito Confiscati Bene 2.0, un portale dedicato alla promozione e al riutilizzo dei beni sequestrati alla criminalità organizzata. La parola d’ordine di questa iniziativa è “trasparenza”. Confiscati Bene 2.0 raduna in un’unica vetrina l’elenco completo dei beni confiscati dalla magistratura: per ciascuna Regione d’Italia si può leggere il conteggio aggiornato e a chi sono stati destinati fra Comuni, Regioni, Provincie e altro. Nella mappa c’è un livello di dettaglio maggiore, in cui sono evidenziate anche le tipologie dei beni (garage, terreni, appartamenti, attività commerciali, eccetera).

I cittadini possono e devono partecipare attivamente, confrontandosi sul tema del riuso sociale dei patrimoni sottratti alla criminalità e collaborando alle segnalazioni. Inoltre, possono leggere tutti gli aggiornamenti, gli avvisi di selezione, i bandi di assegnazione. L’obiettivo è chiedere a tutti noi di interessarci dei beni confiscati, in modo da spingere per il loro riutilizzo per scopi sociali e per scongiurare il rischio che questo patrimonio non venga abbandonato.

I sostenitori hanno presentato una ricerca da cui emerge che il 36% degli intervistati non è a conoscenza dei beni confiscati nella propria regione, il 39% non è a conoscenza di progetti di riutilizzo. Tuttavia, quasi tutti riconoscono che i beni confiscati siano un valore per il territorio. In quest’ottica è importante sensibilizzare l’opinione pubblica, perché come sottolinea Gianluca De Martino di OnData (uno degli ideatori dell’iniziativa), “nessuno da solo può risolvere il problema dei beni abbandonati […]”.

Oltre che un sito di informazione, Confiscati Bene 2.0 ha l’importante funzione di spingere la Pubblica Amministrazione a una maggiore trasparenza. Con l’iniziativa #escilibene, infatti, si fa leva sulla legge che prevede l’obbligo, per tutti i Comuni a cui sono stati affidati beni confiscati, di pubblicarne gli elenchi. Se volete essere certi che il vostro comune di residenza sia rispettoso della normativa, potete selezionarlo nell’apposita pagina e inviare la richiesta.

Ricordiamo che Confiscati Bene esiste da quattro anni e quella appena presentata è la seconda versione, a cui si è arrivati grazie al lavoro di Associazione Libera, di OnData e della Fondazione Tim.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il controllo passaporti sarà acqua passata, l’UE promuove l’identità digitale

next
Articolo Successivo

Amazon cerca esperti per rivoluzionare le nostre case con i robot domestici

next