Mbappé, Modric e Varane. Secondo indiscrezioni provenienti dal quotidiano l’Equipe – appartenente alla stesso gruppo editoriale di France Football, che assegna il premio – sarebbe questo il podio del Pallone d’Oro 2018, che verrà consegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. Un tris di nomi che, se confermato, decreterebbe la fine del duopolio decennale che vede trionfare dal 2008 Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, attualmente primatisti della speciale classifica con cinque trionfi ciascuno. L’ultimo a vincere l’ambito titolo prima dei due fenomeni del Barcellona e della Juventus fu Ricardo Kakà, che nel 2007 venne premiato dopo aver conquistato con il Milan la Champions League, la Supercoppa Europea e il Mondiale per club.

Il quotidiano francese sul proprio profilo Twitter ha diffuso un video in cui vengono raffigurati – dopo l’apparizione di Cristiano Ronaldo in qualità di ultimo vincitore della rassegna nel 2017 – i tre protagonisti dell’ultima finale mondiale in Russia, vinta dalla Francia con Mbappé e Varane grandi protagonisti. Il talento del Paris Saint Germain appare per primo, subito dopo il difensore e il centrocampista del Real Madrid (sogno estivo dell’Inter di Spalletti). Una sequenza, ripetuta nuovamente alla fine della stessa clip, che per alcuni racchiuderebbe l’ordine di arrivo del prossimo Pallone D’Oro.

Nel caso in cui gli indizi si rivelassero veritieri la Francia tornerebbe a festeggiare un Pallone d’Oro venti anni dopo Zinedine Zidane, che nel 1998 si aggiudicò il trofeo dopo la vittoria a Francia ’98. Inoltre Mbappé diventerebbe il più giovane vincitore della storia ad appena 20 anni, uno in meno a Ronaldo, che nel 1997 fece suo il riconoscimento nato nel 1956. Varane – reduce anche dalla vittoria in Champions League con il Real Madrid – riconsegnerebbe a un difensore l’ambito trofeo dopo il successo di Cannavaro nel 2006. Modric, secondo al mondiale e anche lui campione d’Europa con i blancos, invece sarebbe il primo croato della storia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Arezzo, calcio: reagisce agli insulti razzisti. 15enne espulso e squalificato per 5 gare

prev
Articolo Successivo

Coppa Libertadores 2018, River-Boca è all’atto finale: il Superclásico assegna il titolo (e molto altro) in un quartiere

next