Enrico Papi non le manda certo a dire, il conduttore questa volta se la prende con Mediaset colpevole di “rifare La Pupa e il Secchione con altri conduttori. È sbagliato“, afferma in un’intervista a Blogo, e non risparmia nemmeno Simona Ventura. La conduttrice, dopo il successo di Temptation Island Vip, sarebbe in pole position proprio per la conduzione del programma, in passato affidato a Papi, in onda a marzo su Italia 1. 

“Non penso che Simona possa accettare di condurre un programma fatto da me, è come sei io volessi fare L’Isola dei famosi. Lei è bravissima, è bravissima nei programmi con le persone famose, ma La Pupa e il Secchione l’ho inventato io su misura con Simona Ercolani. Non c’è niente da inventare, è solo da rifare qualcosa ideato da altri. Anche i Pupi e le Secchione li avevamo già proposti noi a Mediaset. È proprio sbagliato, è come quando Mammucari ha rifatto Sarabanda, un altro programma nato con me. Non ero solo il conduttore, ma il creatore. È un errore“, ha commentato il volto di Tv8.

In realtà il programma non è stato inventato da Papi ma si tratta dell’adattamento del format “Beauty and the Geek”, tramsesso per la prima volta negli Stati Uniti nel 2005. I vertici di Cologno Monzese gli avrebbero comunque offerto la conduzione: “Mediaset mi ha chiamato ma io stando in Sky non posso farlo. Sarebbe un’occasione persa per Simona e per Mediaset. Andrebbero sperimentate cose nuove, anche format. Perché devi rifare una cosa proprio ideata da un altro? C’è mancanza di idee e di coraggio di sperimentare. Il pubblico se ne accorgerà.”

Proprio Papi condurrà su Tv8 la nuova edizione de Lo Show dei Record, non un programma inedito e in arrivo proprio da Mediaset, e continuerà il suo impegno nell’access prime time con Guess my age, il quiz legato alle identità come I Soliti Ignoti di Rai1. Il Biscione e la Ventura replicheranno a Papi?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jane Alexander, rivelazioni hot: “Ho fatto sesso orale al mio ex dopo aver mangiato peperoncino”

prev
Articolo Successivo

Masha e Orso diventa un caso diplomatico. Il Times: “Masha è un personaggio putiniano e fa propaganda filorussa”

next