Massimo Giletti non ha mai digerito l’ingiusta esclusione dalla Rai e dopo il suo arrivo a La7 più volte ha lanciato frecciatine ai vertici di Viale Mazzini o nei confronti degli ex colleghi. In particolare di Fabio Fazio con cui condivide lo stesso giorno di messa in onda e che nei mesi scorsi è riuscito, in maniera storica, a battere con una puntata di Non è l’Arena. Proprio nel programma in onda sulla settima rete è arrivato un nuovo assist al conduttore torinese durante lo spazio dedicato alla violenza nel mondo del calcio.

Per rappresentare anche l’altra faccia, positiva, dello sport ha dunque trasmesso un filmato con Cristian Totti. Il figlio del campione giallorosso aveva rinunciato al gol per aiutare il portiere rimasto a terra dopo uno scontro di gioco, episodio che aveva commentato con un inglese perfetto in un’intervista tv. Al rientro in studio l’ospite Giovanni Minoli ha consigliato a Giletti di invitare la famiglia Totti in trasmissione nelle prossime puntate.

Qui la risposta a tono del giornalista:  “Costa troppo per le nostre casse solo Fazio se lo può permettere, noi non ce li abbiamo questi budget”. Una frecciatina rivolta al collega con il sorriso ma anche una stoccata, l’ennesima, al volto di Rai 1 da sempre nel mirino per il suo contratto e per i costi di Che tempo che fa. In effetti Francesco Totti è stato ospite nello show di Rai1 nelle settimane scorse, era stato fatto accomodare su un trono e aveva presentato al pubblico la sua biografia.

Nel corso di quella domenica però Giletti non rimase a mani vuote riuscendo a schierare in esclusiva internazionale Jimmy Bennett, accusatore di Asia Argento, giunta negli studi di La7 a sua volta sette giorni dopo. Da mesi il telemercato continua a riportare le voci di un ritorno del giornalista in Rai, complice anche il cambio ai vertici dell’azienda. Come la prenderebbe il collega “nemico” Fabio Fazio?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Claudia Pandolfi: “A 16 anni andai a un provino in appartamento: mi chiesero di stendermi nuda sul divano. Scappai”

next