Dopo lo smantellamento del modello Riace con l’inchiesta giudiziaria che ha coinvolto il sindaco Mimmo Lucano e la revoca dello Sprar da parte del ministero dell’Interno, il paesino della Locride vive un momento di difficoltà per i trasferimenti dei migranti ma non abbandona la speranza per il futuro.
In queste ore molti migranti stanno lasciando Riace. Alcuni, però, dopo essere partiti e dopo aver visto gli Sprar che li dovranno ospitare, sono ritornati in Calabria.
Come Anna, una ragazza nigeriana con due figli: “Qui avevo una casa e un futuro”.
Mimmo Lucano e Recosol, la rete dei comuni solidali, stanno già pensando a nuovi progetti di accoglienza attraverso i corridoi umanitari.
“Riace non muore – dice il sindaco costretto ancora a vivere lontano dal suo paese per il divieto di dimora impostogli dal Tribunale del Riesame che nelle settimane scorse ha revocato gli arresti domiciliari – Non muore perché ha nel suo Dna la solidarietà e l’accoglienza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, giovani borseggiatrici in azione in metro incastrate dalle telecamere: ecco la “tecnica” utilizzata per rubare

prev
Articolo Successivo

Olbia, viveva con la madre morta da mesi e in mezzo ai rifiuti. Ricoverato uomo di 43 anni

next