Sono cinque le persone condannate a morte per l’omicidio di Jamal Khashoggi, il giornalista saudita corrispondente del Washington Post fatto a pezzi il 2 ottobre dentro al consolato di Riad a Istanbul. Ma se fino a qualche ora fa sembrava certo il non coinvolgimento del principe saudita, oggi 17 novembre la Cia fa sapere che il mandante dell’omicidio sarebbe proprio lui, Mohammed bin Salman.

A scriverlo è il Washington Post citando fonti vicine al dossier. Il governo saudita ha sempre smentito un suo coinvolgimento nell’uccisione del giornalista dissidente. La Cia è giunta esaminando diverse fonti di intelligence, tra cui una telefonata che il fratello del principe Khalid bin Salman, l’ambasciatore saudita negli Stati Uniti e fratello del principe ereditario, avrebbe avuto con Khashoggi nella quale avrebbe detto al giornalista di recarsi al consolato saudita a Istanbul per ritirare dei documenti. L’ambasciatore ha respinto ogni coinvolgimento scrivendo su Twitter di avere spiegato al Washington Post che “l’ultimo contatto avuto con il signor Khashoggi è stato via SMS il 26 ottobre 2017”. “Non ho mai parlato con lui per telefono e certamente non gli ho mai suggerito di andare in Turchia per nessuna ragione: chiedo al governo degli Stati Uniti di rilasciare qualsiasi informazione in merito a questa richiesta”, ha aggiunto l’ambasciatore saudita.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, tempesta di neve in 16 Stati: 8 morti. Per New York è la più violenta di novembre dal 1938

next
Articolo Successivo

Argentina, ritrovato il sottomarino Ara San Juan: era scomparso un anno fa con 44 persone a bordo

next