Poso il calice del biodinamico Batiĉ e mi alzo diretto al guardaroba alla ricerca di fazzoletti – sì, è novembre e sembra piovere da sempre anche se quella mattina l’Isonzo scorreva tra il celeste e il carta da zucchero – e quando torno, scopro (sorpresa!) che lo hanno fatto di nuovo: il mio tovagliolo, buttato a casaccio sul tavolo pochi minuti prima, si è trasformato in un’opera d’arte pronta ad accogliere il mio rientro lungo il percorso sensoriale scelto da Ana Roš e che avevo interrotto. Perché Hiša Franko è, tra le altre cose, anche questo: cura maniacale dei dettagli.

Il ristorante della miglior chef donna della 50 Best Restaurants 2017 è immerso nel verde delle foreste secolari slovene (che in realtà, in autunno, sono anche cremisi, carminio, giallo pastello e oro), dove la valle del Soĉa (Isonzo) si innesta in quella del Natisone. Una zona piena di storia – tragica, triste storia – dove è ancora possibile trovare casematte, ossari, fortezze e trincee. A un passo, il curatissimo museo di Kobarid (Caporetto), dove si consumò una delle battaglie più sanguinose della Prima guerra mondiale. Qualche chilometro più a Nord, infine, il mitico passo Vršič, che collega Trenta a Kranjska Gora passando, coi suoi 50 tornanti costruiti dai prigionieri russi nel ’17 per permettere alle truppe austro-ungariche e tedesche di rinforzare il fronte, nel bel mezzo della catena montuosa più importante della Slovenia e accanto al monte Triglav, che coi suoi 2864 metri è il più alto del Paese.

Ana Roš, com’è cenare dalla chef migliore al mondo tra divieto d’ingresso ai vegetariani e lingua di manzo con ostriche

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guida Michelin 2019, Mauro Uliassi è il nuovo Tre stelle, delusione per Cracco. Ecco tutte le stelle assegnate

next
Articolo Successivo

Miscusi, la catena di pasta “come a casa” continua a crescere: raccolti 5 milioni di euro. I fondatori under 30: “Nel 2019 all’estero”

next