“Chi dà della sgualdrina a Virginia Raggi pecca di prostituzione intellettuale, è quello che penso”. Alessandro Di Battista conferma le accuse ai giornalisti ad ‘Accordi&Disaccordi’, il talk condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi targato da Loft Produzioni, in diretta tutti i venerdì su Nove alle 22:45.
Luca Sommi parte dalle parole del leader Cinque Stelle: “Lei ha definito i giornalisti ‘puttane’. Non è mai una bella cosa quando un esponente politico, anche se lei adesso è un libero cittadino, attacca la stampa. Si sente di dover chiedere scusa ai giornalisti?”. Di Battista marca le differenze con i predecessori: “Berlusconi cacciava i giornalisti, Renzi cacciava i giornalisti come lo stesso Giannini dalla Rai”. Il leader Cinque Stelle elenca le sue ragioni: “Primo: sono un libero cittadino quindi esprimo il mio pensiero. Secondo: non mi sono mai sognato di fare generalizzazioni”. L’ex parlamentare non vuole essere frainteso: “Ho detto, e ribadisco, che coloro che hanno attaccato Virginia Raggi (loro sì, lorsignori) definendola una sgualdrina, loro peccano evidentemente di prostituzione intellettuale. È quello che penso”. Di Battista giustifica i toni duri: “Ho utilizzato un termine forte perché alle volte il turpiloquio permette di fissare un concetto in maniera più chiara, ma non mi riferivo affatto a tutti i giornalisti. L’hanno capito anche i bambini, non so se l’abbia compreso Massimo”.
Massimo Giannini, firma de La Repubblica, non è d’accordo: “Io non l’ho compreso, o meglio l’ho compreso ma non lo giustifico. Perché le parole di Alessandro Di Battista non vengono fuori così, come Minerva dalla testa di Giove, sono la coerente rappresentazione che il Movimento 5 stelle, da diverso tempo a questa parte, dà dei mezzi d’informazione. E non è solo nella persona di Alessandro Di Battista, ma è soprattutto nella persona di Beppe Grillo, poi nella persona di Luigi Di Maio e poi nella persona di Alessandro Di Battista.

‘Accordi&Disaccordi’ (5 episodi x 60’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi, Di Battista su Nove: “Sul TAP chiedo scusa ai salentini, giusto mettermi al chiodo”

prev
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi, Di Battista su Nove: “Non mi candiderò alle elezioni europee”

next