Anaheim, California. L’edizione 2018 del Blizzcon come sempre ha coagulato l’attenzione internazionale. Il 2 e 3 novembre infatti Blizzard Enterteinment, storica azienda americana di videogiochi, ha riunito pubblico, appassionati e stampa per raccontare i suoi progetti futuri, tra sorprese e annunci invece meno roboanti. Si tratta di una manifestazione a cadenza annuale dove il colosso puntualmente presenta le novità dell’anno che verrà, senza però dimenticare l’affezionata comunità di giocatori che giornalmente popola i server dei loro di titoli di punta, come Overwatch, Hearthstone, WoW e Diablo.

Quest’anno il pubblico era in fermento per potenziali annunci che però, alla fine, non sono arrivati. Ad ogni modo, la strategia comunicativa di Blizzard resta solida e con un obiettivo chiaro. E siamo sicuri che le novità tanto attese non tarderanno ad arrivare.

La cerimonia d’apertura della Blizzcon è da sempre fondamentale sia per dare il benvenuto alla comunità sia per mostrare nuovi contenuti e nuovi prodotti. Quest’anno, dopo un breve momento in cui è stato ufficializzato il passaggio di presidenza da Mike Morhaime a J.Allen Brack si è partiti subito con le novità. Peraltro il cambio di presidente è uno degli aspetti che destava più interesse, soprattutto in ottica futura. Ad oggi, però, non ci sono stati ancora segnali chiari ed evidenti che possano farci trarre conclusioni rilevanti.

Lo strategico dell’azienda, Starcraft 2, vedrà l’arrivo di Zeratul, un nuovo comandante che entrerà prossimamente a far parte della “Commander Mode” – ovvero la funzione di gioco multiplayer cooperativo. Attraverso un trailer mozzafiato che mischia computer grafica e animazione, è stato annunciato il nuovo eroe di Heroes of the Storm: Orfea. Quest’ultima è il primo personaggio originale del gioco, vale a dire non proveniente da altri titoli Blizzard.

https://www.youtube.com/watch?v=wqXAfNkB-ro&t=1806s

Hearthstone, il conosciutissimo gioco di carte si espanderà con Rastakhan’s Rumble, nuovo contenuto basato sulla razza dei Troll che introdurrà nuove carte e nuove caratteristiche. La sua data d’uscita è prevista per il 4 dicembre 2018. Per il gioco del momento, Overwatch, è stato annunciato il 29° eroe: Ashe, una temibile pistolera che arriverà molto presto e in maniera gratuita su tutte le piattaforme.

Uno sguardo è stato dato anche a World of Warcraft che, fresco dell’espansione Battle for Azeroth, è stato protagonista di un altro incredibile trailer in computer grafica -in cui viene suggerito qualcosa sulla prossima espansione/contenuto-. Per chi è affezionato ai primi momento del gioco di ruolo online di Blizzard, sappia che World of Warcraft Classic, titolo che ripropone per l’appunto il gioco originale del 2004 in chiave moderna, arriverà durante l’estate del 2019 sotto forma di modalità.

Gli annunci più importanti sono, tuttavia: Warcraft 3 Reforged e Diablo Immortal. Il primo è a tutti gli effetti una riproposizione con grafica migliorata del leggendario Warcraft 3 Reign of Chaos e della sua espansione Frozen Throne, capolavori strategici datati 2002. Il secondo è, invece, il primo Diablo a sbarcare su smartphone; ambientato tra Diablo 2 e Diablo 3 promette di interpretare il gameplay frenetico e divertente del leggendario gioco d’azione/ di ruolo di Blizzard su dispositivi mobili. Entrambi questi videogiochi arriveranno nel corso del 2019.

Anche gli Esport hanno avuto un ruolo di rilevanza al Blizzcon 2018. Quasi tutti i titoli Blzzard sono stati protagonisti di tornei di caratura mondiale, da segnalare in particolar modo Starcraft 2 che per la prima volta nella storia ha visto come vincitore un europeo: Joona “Serral” Sotala, finlandese, che nella finale ha battuto il sudcoreano  Kim “Stats” Dae Yeob in una partita che ha lasciato tutti a bocca aperta.

Overwatch con la sua gigantesca arena ha dato vita ad uno spettacolo invidiabile e sebbene fosse scontata la vittoria del team sudcoreano nessuno aveva previsto l’uscita degli Stati Uniti al primo turno contro l’Inghilterra.

Il Blizzcon 2018 è stato un evento riuscito e ben gestito: organizzato bene, sicuro e pieno di cose da fare e da vedere. Tra tornei Esport, shop, postazioni di prova ed eventi specifici dedicati, c’era veramente tanto intrattenimento. Anche quest’anno Blizzard Entertainment ha messo sul piatto un’offeta invidiabile che prova a sperimentare qualcosa di nuovo e interessante come Diablo Immortal – un gioco molto attaccato dai fan ma che personalmente ci è piaciuto e ci ha intrigato, nella speranza di vedere presto qualcosa di più. Appuntamento all’anno prossimo dunque, momento nel quale scoprire i risultati dei prodotti in uscita nei prossimi mesi e anche un assaggio dell’offerta futura dell’azienda americana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sulle smart tv arrivano gli spot pubblicitari personalizzati. Ecco come difendersi

prev
Articolo Successivo

Un giorno Google vi dirà quali sono i ristoranti da evitare per non intossicarvi

next