Durante la sua missione a Shanghai, il vicepremier Luigi Di Maio è inciampato più volte in un errore grossolano, riferendosi al presidente cinese Xi Jinping, con l’abbreviazione “Ping”. Lo ha fatto due volte nel discorso pubblico, e ripetuto anche in conferenza stampa. In Cina però i nomi di battesimo vengono dopo il cognome, per questo in genere il segretario del Partito comunista cinese viene chiamato “presidente Xi”, ossia con il suo cognome

Il video è tratto dalla diretta Facebook di Luigi Di Maio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Decreto Sicurezza, il governo mette in pausa i lavori al Senato. L’ombra della “trattativa” M5s-Lega sulla prescrizione

next
Articolo Successivo

Asi, il Miur silura Battiston: la Lega si prende lo spazio. Fioramonti: ‘Scelta non condivisa’. M5s: ‘Ci saranno conseguenze’

next