L’acqua e il fango proveniente dal fiume Milicia hanno sfondato i vetri della villetta di Casteldaccia dove nella notte sono morte nove persone, tra cui due bambini. E’ quanto raccontano i soccorritori che sono intervenuti subito dopo la tragedia nell’abitazione che si trova a poche centinaia di metri dal fiume esondato. “Non c’è stato il tempo per salvarsi – dicono – Una sola persona è riuscita a salvarsi solo perché è salito su un albero”.

Nel video il sindaco di Casteldaccia e alcuni residenti raccontano le ore drammatiche che sono costate la vita a nove persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

4 novembre, 100 anni fa la fine della prima guerra mondiale. Mattarella e Conte all’Altare della Patria

next
Articolo Successivo

Veneto, distrutti i Serrai di Sottoguda. Zaia: “Cancellata una bellezza delle Dolomiti”

next