“Non mi risultano mal di pancia della Lega, considerando che gli interventi sulla prescrizione erano nel contratto di governo”. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ospite di ‘Otto e mezzo’ su La7.

Le parole di Bonafede cozzano con le dichiarazioni del capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari, secondo cui l’emendamento al ddl anticorruzione che introduce la sospensione della prescrizione dopo la sentenza di primo grado “è stato presentato dai relatori, non è concordato a livello di governo, non è passato dal Consiglio dei ministri e ci riserviamo di fare valutazioni. Abbiamo forti perplessità, ma ne discuteremo come sul resto del provvedimento”.