Io candidato alla segreteria del Pd? L’11 settembre ero in questa trasmissione e avevo detto di no. Adesso, però, i sindaci del Pd mi hanno chiesto di candidarmi e ci sto riflettendo seriamente“. Così a L’Aria che Tira (La7) l’ex ministro dell’Interno, Marco Minniti, risponde alla conduttrice Myrta Merlino, che gli chiede sulla sua candidatura alla guida del Pd. Poco più di un mese fa, il politico aveva assicurato: “Non ci penso nemmeno”. Alla Leopolda si è dimostrato meno drastico: “Per il momento no”. Oggi Minniti puntualizza: “Devo valutare se questa cosa è utile al mio partito e al mio Paese. E, se è così, non posso sottrarmi. Se, invece, fosse un ulteriore elemento di personalizzazione del partito, allora preferirei di no. Credo che il mio partito non abbia bisogno di accentuare gli elementi di personalizzazione, che sono già particolarmente elevati. Quando scioglierò la riserva? Realisticamente la prossima settimana“. E aggiunge: “Io penso che un grande partito debba avere due cose insieme: la prima è una leadership forte e autorevole, che non può essere decisa da un congresso. L’altra cosa è che un leader da solo non ce la fa. Ha bisogno di un fortissimo e rinnovato gruppo dirigente“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Manovra, Fornero vs Castelli: “Dite con candore così tante bugie che fate tenerezza”. “Avete fatto ammalare l’Italia”

prev
Articolo Successivo

Prescrizione, Bonafede: “Mal di pancia Lega? Non mi risulta. C’è scritto nel contratto di governo”

next