Manifestazione contro Virginia Raggi a Roma? Eravamo in piazza anche noi della Lega a protestare contro una delle peggiori amministrazioni di Roma”. Sono le parole pronunciate ai microfoni de “L’Italia s’è desta” (Radio Cusano Campus) da Maurizio Politi, ex Fratelli d’Italia e attualmente capogruppo della Lega in Assemblea Capitolina.
“E’ vero che tanti problemi sono stati ereditati dalle giunte precedenti” – spiega – “ma Atac sta andando allo sbaraglio, su Ama ci sono problemi di bilancio, per quanto riguarda la manutenzione stradale la situazione è sotto gli occhi di tutti. Oggi siamo completamente fermi e tutto sotto un’unica ideologia: la legalità per la legalità. I 5 Stelle hanno promesso legalità, ma hanno portato solo immobilismo. Quello che fa sorridere della Raggi e del M5s è che sono due anni che assistiamo a questo confronto, anche in Aula, tra il Pd e i 5 Stelle su chi è più di sinistra, quando siamo di fronte a un vero disastro sia del Pd, sia del M5s”.

E aggiunge: “Stiamo parlando di una delle amministrazioni più marxiste, anche del Pd. Stanno facendo una sfida a sinistra, che sta solo uccidendo la città. Per la prima volta a Roma, dopo 20 anni, hanno tolto la libertà ai genitori di scegliere l’asilo nido per i figli, ora è il Comune che dice dove devi portare tuo figlio all’asilo. A San Lorenzo” – prosegue – “Roberto Fico se n’è uscito dicendo che serve più amore, la Raggi vieta gli alcolici. A San Lorenzo c’è da andare con la mano pesante, ma molto molto pesante, cacciando via non solo i clandestini ma anche tanti italiani organizzati dei centri sociali, che hanno ridotto il quartiere una defecazione a cielo aperto. Quei luoghi vanno abbattuti e le persone che li difendono vanno imputate e messe in carcere”.

Politi poi annuncia: “Troveremo un nostro candidato sindaco, ci stiamo lavorando. Saltamartini? Potrebbe essere, ma a oggi non c’è nessun nome. E’ una questione che si vedrà quando sarà il momento. Siamo in attesa della sentenza sul sindaco Raggi, che per statuto del M5s in caso di condanna dovrebbe dimettersi. Aspettiamo il 10 novembre. Io non credo che debba dimettersi per questioni giudiziarie, ma per i disastri a cui ha ridotto Roma. La sentenza è irrilevante. Questo è un sindaco che sta devastando la città”.
E ribadisce: “Mi ha fatto davvero sorridere il fatto che la Raggi abbia vietato il consumo di alcolici dalle 21.00 al quartiere di San Lorenzo. Farebbe sorridere, purtroppo, se non fosse drammatico. Mandiamo, invece, la nostra polizia locale, che è anche armata, per controllare quei quartieri ormai fuori controllo, avallati per tanti anni dalla sinistra al governo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Bagarre alla Camera sul condono Ischia: deputati Pd con cartelli al grido ‘onestà, onestà’. E uno sventola una forchetta

next
Articolo Successivo

Dl Sicurezza, Fraccaro taglia corto: “Fiducia? Non so se ci sarà”. E Gasparri (FI): “Non faremo da stampella a maggioranza”

next