I colleghi che assumeranno le direzioni dei telegiornali sono stati scelti dall’amministratore delegato della Rai. Tra di essi ci sono figure con curriculum impeccabili, penso a quello di Giuseppina Paterniti, indicata alla guida del Tg3.

La questione qui e adesso è se i nomi sono il frutto della testa di Fabrizio Salini, il dirigente a cui i partiti hanno dato potere di scelta e indicazione, oppure sono l’esito di un accordo separato tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Propendiamo per questa seconda ipotesi.

La questione è la solita ed è anche piuttosto banale: la Rai è di proprietà pubblica, le sue azioni sono detenute dal ministero dell’Economia e le sue scelte sono determinate dalla maggioranza di governo.

Ma se si sceglie una persona e gli si affida ogni potere, perché, un minuto dopo, quel potere viene revocato?

Se Di Maio e Salvini hanno ritenuto che il nuovo amministratore delegato fosse una persona degnissima e con ogni competenza, perché poi lo hanno trasformato in un messo notificatore?

Perché Salini non è degno più? Impossibile. Perché non si fidano più di lui? Escluso.

Forse perché il potere ritiene che informare faccia da sempre un po’ rima con manipolare. E dunque, quando ci sono di mezzo i telegiornali, meglio andarci cauti: vuoi vedere che qualcuno scambia la competenza con l’autonomia e poi scodella la notizia nuda e cruda?

La notizia ha bisogno di essere vestita. Più bravo è il sarto a cucirla più la news sarà digeribile e gustosa.

Gnam gnam, evviva il cambiamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Desirée e gli altri. Quanto odio serve per essere così crudeli?

next
Articolo Successivo

Se il maltempo distrugge lo yacht di Pier Silvio Berlusconi

next