Quanto vale una buca, un fosso, un dosso? La stima dello scuotimento, l’esatto conto delle vibrazioni, e dei multipli di esse sulla colonna vertebrale, è il mandato che l’Atac – l’azienda romana dei trasporti al top in Italia negli sprechi e suoi connessi – ha affidato a una società specializzata. Per ottantamila euro l’anno valuterà se gli autisti ci sono o ci fanno e se intorno alle buche, di cui la Capitale è comunque inarrivabile reginetta, sia lecito l’arruolamento di un esercito di ammalati. Venti autisti al mese in media, tutti costretti a letto da fastidiose lombo-sciatalgie, con l’aspirazione di sempre: un ufficio, una scrivania e una sedia. Tutto, fuorché il bus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Fedez, il “sistema” Rai obbliga a tacere delle persone. Allora perché non mettere nei sottopancia processi o condanne?

next
Articolo Successivo

L’istantanea – Storia di una spesa dimezzata: la necessità che non si può pagare come documento visivo dei nostri tempi

next