Mio padre mi ha obbligato a fare l’attore ed è stato quasi costretto da sua madre a farlo”. Ospite di Domenica In, Alessandro Gassmann ha rivelato di esser stato obbligato dal padre Vittorio ad intraprendere questa professione. Non solo, Gassmann ha raccontato a Mara Venier molti dettagli personali della sua vita, svelando anche di aver assunto tranquillanti per superare la paura di andare in scena, soprattutto a teatro. “Ero un ragazzo schivo e chiuso, che amava stare molto da solo e nella natura. Mi ero anche iscritto ad agraria, poi è capitato questo mestiere e non ci credevo tanto, volevo solo essere indipendente”, ha detto.

Oggi, confessa, va meglio, ma soffre ancora d’ansia: “Continuo a essere spaventato, non tanto al cinema, ma al teatro perché faccio fatica a entrare in scena. Ho trovato la soluzione nel fare la regia. Per un attore che riesce ce ne sono diecimila che fanno la fame”. In tv è impegnato con la fiction “I bastardi di Pizzofalcone“, ma a chi gli chiede se si senta realizzato e sereno risponde: “Sereno non credo sia la parola giusta, sono frenetico, iperattivo e stakanovista, ma al contrario di mio padre riesco a staccare e quella è la mia salvezza”.

Poi parla anche del suo rapporto con la moglie e i suoi fratellastri: “Ci siamo fidanzati nel 1993 e sposati nel 1998. La cosa incredibile è che continua a sopportarmi. Fu un matrimonio molto bello, in Toscana con 18 persone. Mi fa piacere ricordarlo perché c’era anche mio padre, che sarebbe morto due anni dopo. Era un matrimonio riparatore perché lei era gravida. I miei fratelli? Noi siamo quattro da quattro mogli diverse. Non ci troviamo mai tutti insieme”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stella, il labrador star di Instagram che dà il benvenuto all’autunno a modo suo

next
Articolo Successivo

Wanda Nara è stata assolta: per il Tribunale di Milano “non pubblicò sui social i dati personali di Maxi Lopez”

next