Un profilo fake di Twitter rovina la festa a Di Maio. Colpa di un distratto social media manager e la giornata del ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico si è trasformata in un imbarazzante equivoco. “La parola di oggi è RILOCALIZZIAMO – iniziava il testo del tweet rilanciato dall’account ufficiale del dicastero del MISE – Riportiamo il lavoro in Italia #Whirlpool – Riportiamo i soldi in Italia #condonofiscale  – Riportiamo le case #condonoIschia”.

Un evidente scherzo proveniente da un falso profilo personale di Di Maio che però i comunicatori del MISE hanno rilanciato senza nemmeno verificare. Solo a colpo d’occhio il profilo fake @luldimaio ha solo 300 follower mentre quello del ministro ne ha, da mesi, centinaia di migliaia. Sono stati invece gli utenti di Twitter, soprattutto i più vicini ai 5 Stelle e al governo gialloverde a rendersene conto segnalando con insistenza l’errore, ma inutilmente. Per eliminare il tweet dalla cronologia ci sono volute diverse ore.

Intanto lo scherzo proveniente dal falso profilo del ministro ha screziato la giornata di vittoria del vero Di Maio che ha visto la cancellazione degli esuberi in Whirpool e un parziale rientro della produzione in Italia dalla Polonia dopo una lunga contrattazione voluta proprio dal ministro grillino. Insomma, nonostante l’alta attenzione sui social, un’altra manina si è intrufolata a casa Di Maio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uomini e Donne, dopo il caso Sara Affi Fella arriva l’uscita di scena di Mara Fasone: ecco cosa è accaduto

next
Articolo Successivo

Linus, brutta caduta per il direttore artistico di Radio Deejay

next