Sono accusati di aver picchiato con una mazza da baseball due stranieri, un ghanese e un senegalese, in quella che dagli uomini della Digos della questura di Brindisi viene considerata un’aggressione a sfondo razziale. Una ronda sfociata in un pestaggio, per la quale ora due persone sono state arrestate: Piero Cerasino e Paolo Ottonaro, brindisini di 36 e 42 anni. L’episodio è avvenuto nella serata di venerdì 19 ottobre in pieno centro: le due vittime erano state colte di sorpresa e avevano riportato ferite giudicate guaribili entro un mese. Dopo una settimana di indagini, i primi arresti: ai due è contestata l’aggravante dell’odio razziale. Per gli inquirenti infatti, si è trattato di una rappresaglia per due episodi che si erano verificati in città la mattina e che coinvolgerebbero altri migranti.

Uno dei due feriti è Elija, il segretario della comunità cittadina del Ghana, che vive e lavora a Brindisi da diversi anni e che è stato picchiato mentre tornava a casa proprio dal lavoro. L’altro è un ragazzo del Senegal, residente nel dormitorio: è stato pestato mentre stava per raggiungere la Caritas. In quella stessa serata ci fu un terzo tentativo di aggressione ad un altro migrante che si sarebbe salvato grazie all’intervento di un passante.

Fin da subito gli uomini della Digos si erano concentrati sull’ipotesi di una ronda punitiva. Nella stessa giornata infatti una 15enne aveva denunciato un tentativo di violenza sessuale da parte di tre giovani stranieri, mentre un altro giovane migrante aveva danneggiato alcune macchine parcheggiate per strada. Le due vittime del pestaggio sono considerate estranee a entrambi i fatti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bergamo, musulmani comprano una chiesa. Ma la Regione Lombardia se la riprende: “Diritto di prelazione”

next
Articolo Successivo

Desirée Mariottini, a San Lorenzo fiaccolata in corso e polizia a 20 metri: i pusher ci avvicinano per venderci la droga

next