LA DONNA DELLO SCRITTORE – TRANSIT  di Christian Petzold. Con Franz Rogowski, Paula Beer. Germania/Francia 2018. Durata: 101’. Voto: 4/5 (AMP)

In una distopica occupazione nazista della Francia, un giovane tedesco è incaricato di transitare uno scrittore in America: peccato che l’uomo muoia e le di lui identità e moglie “transitano” a loro volta nella sua persona. Dal romanzo autobiografico di Anna Seghers, un dramma itinerante dello spirito e dei sentimenti “transitato” sullo schermo da uno dei più interessanti cineasti tedeschi contemporanei. Petzold vi incontra i temi a lui più cari (ricerca e mutazioni identitarie, analisi dei personaggi e degli affetti, rielaborazione dei periodi storici e politici più problematici…) e con essi confeziona uno dei suoi lavori più ambiziosi. Dal concorso berlinese alle sale italiane da non mancare, possibilmente in lingua originale. 

Film in uscita al cinema, da La donna dello scrittore a Euforia: cosa ci è piaciuto e cosa no

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Achille Tarallo, una piccola storia buffa con Biagio Izzo, Tony Tammaro e Ascanio Celestini

prev
Articolo Successivo

Festa di Roma, Corleone: ovvero il film dal regista sotto copertura. Brusca intervistato con un cappuccio e guanti

next