“Ho espresso il mio disagio in Consiglio dei ministri”. Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, non approva l’attuale formulazione dell’articolo 25 del decreto Genova che prevede una sanatoria per le case abusive di Ischia, legandola alla ricostruzione del terremoto del 2017. Si tratta di una delle norme più controverse contenute nel dl impantanato tra commissione Bilancio e Camera, che non verrà votato prima di mercoledì, perché – come denunciato dalle opposizioni e da Legambiente – si tratta di un condono e prevede il finanziamento della ricostruzione con soldi pubblici per chi ha visto danneggiata o distrutta la sua abitazione abusiva.

“Le case abusive le ho sequestrate nella mia vita precedente da generale della Forestale e dei Carabinieri. Non riesco neanche a parlare di condono. Mi affido al Parlamento per una rivisitazione dell’articolo che sia conforme al senso di giustizia“, ha detto Costa in un’intervista a Sky Tg24. E per questo il ministro confida che “il dibattito in Aula lo arricchirà e lo renderà più accettabile“. L’ex generale, voluto dal M5s come ministro dell’Ambiente, ammette di averne parlato in Consiglio dei ministri: “Ho espresso il mio disagio. Con molta trasparenza abbiamo deciso di spostare la cosa al dibattito parlamentare. Vedremo il dibattito cosa porterà, io sono ottimista“.

Il provvedimento – sul quale anche la Lega, nei giorni turbolenti della “manina” sul dl fiscale, aveva espresso dubbi – è finora sempre stato difeso dal Movimento Cinque Stelle. Per il relatore Gianluca Rospi, che ha presentato un emendamento di maggioranza in commissione che “rimpicciolisce” il perimetro delle case sanabili, la norma va “incontro alla necessità di sbloccare la ricostruzione delle abitazioni colpite dal terremoto dell’agosto 2017” ma “senza fare alcun passo indietro sulla tutela dell’ambiente, del paesaggio e della legalità”. Mentre per il deputato pentastellato Antonio Federico “è proprio fuori luogo parlare di ‘condono tombale’ a Ischia” perché, a suo avviso,  “abbiamo contribuito a sbloccare prima possibile la ricostruzione delle abitazioni colpite dal terremoto dell’agosto 2017, senza danneggiare l’ambiente e contrastando ogni forma di illegalità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Manovra, Di Maio: “Da Bce strali ma non lasciamo l’Euro. I mercati non devono avere timori”

next