Facebook ha puntato tutto sulla semplicità d’uso con l’aggiornamento dell’app Facebook Messenger, che nelle prossime settimane verrà distribuito gradualmente a livello globale su tutti i dispositivi compatibili. La novità interessa tutti gli utenti che usano il social network sullo smartphone, anche per scambiare messaggi e fare chiamate e videochiamate con i propri contatti: tutte attività che avvengono tramite Messenger. Se avete questa app installata, aspettatevi un messaggio che vi avviserà della disponibilità della versione 4.

L’obiettivo della sua creazione è facilitare le comunicazioni, mettendo in risalto le funzioni più usate e in secondo piano quelle secondarie, oltre a consentire un maggiore livello di personalizzazione. Dopo avere installato l’aggiornamento troverete in primo piano solo tre schede: Chat, Persone e Scopri. Tutte le altre sono comunque presenti, ma sono “nascoste” nelle sotto categorie, quindi non le avrete più costantemente sotto agli occhi. In più nella scheda Chat avrete sempre visibile in alto l’icona della fotocamera: una scelta dettata dal fatto che molti utenti scattano foto mentre chattano.

Messenger 4, le tre schede principali

 

Sempre nella scheda Chat, la più usata in assoluto, troverete sempre i contatti attivi in quel momento e inoltre la notifica su chi di loro ha pubblicato una Storia. Sembra un dettaglio di poco conto, ma secondo i responsabili di Messenger sono 300 milioni gli utenti che usano le Storie.

Anche trovare gli amici sarà più facile, perché le due schede precedenti Attivi e Persone sono state unificate. Se siete appassionati dei giochini istantanei presenti nell’app, sappiate poi che nella versione 4 li troverete nella scheda Scopri, insieme ai link alle attività commerciali.

Sul fronte della personalizzazione, con Messenger 4 potrete assegnare un colore ai fumetti con i testi delle conversazioni, così da distinguere i messaggi con un colpo d’occhio. A che cosa serve? Per esempio,  scorrendo velocemente la chat chilometrica con il vostro migliore amico potrete capire al volo quali sono i messaggi vecchi e quali quelli nuovi. Oppure potrete mettere in risalto i messaggi più importanti.

Facebook Messenger 4, conversazioni personalizzate con i colori

 

Queste sono le principali novità, e sono benvenute perché nel corso del tempo le funzioni di Messenger si sono moltiplicate a dismisura, e sono state via via integrate senza riprogettare da zero l’interfaccia. Il risultato è che oggi abbiamo a che fare con uno spazio troppo affollato di elementi, di cui usiamo solo una minima parte.

Forse è proprio a questo che si riferivano le persone che hanno risposto a un’indagine su Messenger: 7 su 10 (il 71%) ha sottolineato che la priorità in un’app di messaggistica è la semplicità. Difficile dargli torto. Infine, se siete fra coloro che guardano con sospetto e timore alle novità potete stare tranquilli: le novità di Messenger 4 arriveranno per gradi. Il primo aggiornamento apporterà parte delle nuove funzionalità, le altre arriveranno successivamente, così avrete tutto il tempo di prendere dimestichezza con i nuovi elementi, senza  traumi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parcheggiare l’automobile è facilissimo, se avete 12 neuroni e un’intelligenza artificiale bene addestrata

prev
Articolo Successivo

Smartphone, le app continuano a spiarci anche dopo averle eliminate. E nessuno è al sicuro

next