Piste ciclabili a Prato? Sembrano una misura fatta apposta per i richiedenti asilo e per gli immigrati, perché di solito si spostano a piedi o in bicicletta. Chi va a lavorare si sposta con la macchina”. Sono le parole pronunciate ai microfoni de La Zanzara, su Radio24, dalla segretaria della Lega di Prato, Patrizia Ovattoni. “Chi ha i bimbi piccini non è che va dal pediatra con la bicicletta” – continua – “Chi è che va in bicicletta a Prato? Chi ha un lavoro e ha dei bambini no sicuramente, anche perché rischia di essere messo sotto a un camion. Almeno da casa mia ho provato ad andare in bicicletta, ma ho rischiato di essere ammazzata da un camion. Quindi, coloro che vanno a piedi o in bicicletta sono molti richiedenti asilo, che non hanno la macchina”. La leghista si rende protagonista di un’accesa polemica con uno dei conduttori, David Parenzo, che le dà dell’”analfabeta di ritorno”. “Io non ho detto che sono razzista” – si difende Ovattoni – “è lei che mi accusa di esserlo. Pochi pratesi vanno in bicicletta, perché non siamo al mare. Le piste ciclabili non servono certamente ai pratesi, perché, appunto, noi non ci andiamo in bicicletta, se non raramente. Abbiamo da lavorare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Genova, Aspi potrà demolire il ponte. M5s: ‘Nessun dietrofront, non ricostruirà’ Ma Bucci: ‘Torna in campo per tante cose’

prev
Articolo Successivo

Autostrade, Toninelli dopo l’allarme su A24 e A25: “Non possiamo chiuderle”. Concessionaria: “No, ha il potere di farlo”

next