Spirit of Portopiccolo, con i fratelli Furio e Gabriele Benussi, ha vinto l’edizione 50 della Barcolana di Trieste. Per i fratelli triestini si tratta del terzo successo consecutivo. Al momento del colpo di cannone che ha sancito la vittoria di Spirit of Portopiccolo sulle rive cittadine c’è stato l’applauso delle oltre 200 mila persone presenti. 2.689 le barche iscritte a questa edizione della regata.

“Abbiamo riflettuto e abbiamo ritenuto che fosse significativo aderire a una manifestazione che avesse per slogan e manifesto quanto scritto da Marina Abramovic” ‘we are all in the same boat‘, anche perché “c’è una regola del mare in base alla quale chi ha bisogno va salvato”. Per questo la scrittrice Michela Murgia ha partecipato, con lo scrittore Pino Roveredo e altre persone alla Barcolana 50, a bordo di una imbarcazione con la bandiera Mediterranea.

“La rete Mediterranea – ha spiegato Murgia – è composta da un gruppo di finanziatori privati e cittadini che finanzia la attività della nave Mediterranea ritenendo che la gente in mare che è in pericolo vada salvata, a prescindere da qualunque calcolo politico: non è una iniziativa contro Salvini ma l’idea di riaffermare la legge fondamentale, chi è in difficoltà in in mare deve essere salvato”. Quel “mare in cui oggi si è corso e ci si è divertiti, è lo stesso mare in cui ogni notte muoiono in media otto persone. Mediterranea è lì per testimoniare e in qualche caso anche salvare. E’ stato bello oggi vedere la solidarietà di tanti velisti: molte barche esposto nostra bandiera, c’era una piccola flottiglia”, ha concluso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Cucchi, striscione contro Tedesco nella sua città: “Per te nessuna pietà, sei la nostra vergogna”

prev
Articolo Successivo

Milano, vasto incendio in un capannone: la colonna di fumo visibile da un chilometro. Indagini sulle cause

next