In Italia ne soffre oltre 1 milione di persone. Un numero in crescita che arriverà a toccare il milione e mezzo entro il 2030 e i 2 milioni per il 2050. Sono i dati, allarmanti, sulla demenza senile. Gli anziani che ne sono affetti spesso, oltre che essere colpiti da un processo degenerativo che tocca le cellule cerebrali, hanno difficoltà nella vita di relazione, dovute a stati di agitazione e di aggressività immotivata. In cui il dialogo è fondamentale.

Il tema è al centro dell’incontro “Comunicare efficacemente con il paziente aggressivo”, organizzato dalla residenza Anni Azzurri Parco Sempione di Milano e aperto a tutti coloro che giorno dopo giorno si occupano dell’assistenza all’anziano. Un appuntamento che si terrà presso la struttura lunedì 15 ottobre dalle 9 alle 18 e durante il quale numerosi esperti illustreranno le tecniche volte proprio a gestire episodi di rabbia, favorendo la conversazione tra paziente e caregiver: le manifestazioni di angoscia e disorientamento necessitano di essere affrontate con attenzione e consapevolezza. Ascoltare, fornire un supporto emotivo-affettivo proponendo attività occupazionali, anziché cercare di calmare a tutti i costi l’anziano è sovente un intervento premiante.

“Il significato e la gestione dell’atto”, “Ascolto attivo, Empatia, Comunicazione assertiva” e “Modalità di risposta a situazioni di violenza” sono tra i titoli degli interventi, che vedranno protagonisti il dottor Daniele Crosta, psicologo con specializzazione in psicoterapia cognitivo-costruttivista e la dottoressa Elena Ravizza, psicologa.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

‘This is not a sushi bar’. Peggio: è una puntata di Black Mirror

next
Articolo Successivo

Negozi etnici, la guerra di Salvini al nemico immaginario comincia ad avere risvolti drammatici

next