Fin da quando vennero presentati i primi prototipi di auto a batteria, qualche anno fa, fu chiaro che una delle criticità su cui gli ingegneri avrebbero dovuto lambiccarsi il cervello era l’assoluta mancanza di rumore prodotto dai motori elettrici. Il leggerissimo ronzio meccanico delle vetture, peraltro quasi inavvertibile alle basse velocità, viene giustamente considerato come potenziale problema per la sicurezza di chi, muovendosi a piedi in città, non avverte la presenza di un auto che si avvicina. Problema amplificato nel caso di persone ipovedenti, o completamente cieche.

Non è un caso che anche l’Unione Europea si sia mossa, introducendo una (severa) normativa che entrerà in vigore da luglio 2019 e prevede una soglia minima di 56 dB(A) per le auto a propulsione elettrica completa.

Per porre rimedio al problema, ora che tra l’altro la casa inglese ha lanciato sul mercato la I-Pace (primo mezzo elettrico della sua storia), gli ingegneri Jaguar hanno messo a punto proprio per questo suv un sistema di avvertimento sonoro (non udibile dentro l’abitacolo) che scatta proprio alle basse velocità. Quando, cioè, si viaggia fino a 20 chilometri orari: un’andatura tipica del traffico urbano.

I tecnici inglesi hanno testato diverse soluzioni sonore in ambientazioni diverse, dagli scenari urbani fino alla camera anecoica, ovvero un luogo chiuso privo di rifrazioni sonore. Alla fine è stato scelto un suono emesso da uno speaker posizionato dietro la griglia anteriore della I-Pace, udibile in ogni direzione, il cui tono e intensità variano a seconda della velocità. Per la retromarcia, poi, è previsto un tono aggiuntivo per indicare il cambio di direzione.

Il congegno salvavita, ribattezzato AVAS (Audible Vehicle Alert System), ha anche passato il vaglio della più grande organizzazione di beneficienza del Regno Unito dedicata alle persone affette da cecità, la “Guide Dogs for the Blind”, i cui test su strada oltre a sancire la bontà del progetto hanno anche inaugurato una collaborazione con il costruttore inglese che continuerà anche su progetti futuri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inquinamento auto, accordo tra i Paesi UE: “Taglio del 35% alle emissioni di CO2”

prev
Articolo Successivo

Elon Musk, l’ultima trovata del Divino: produrrà tequila. Anzi, Teslaquila

next