Appena ventenne ha violato il sito web della Nasa, sostituendo la home page grazie ad alcune falle nel sistema di sicurezza. Non solo: nel “curriculum” poteva vantare intrusioni in una sessantina di siti di istituzioni ed enti pubblici italiani, tra cui la Polizia Penitenziaria, la Rai e province della Toscana. Un disoccupato di Salò, oggi 25enne, è stato iscritto nel registro indagati dalla Procura di Brescia con le accuse di accesso abusivo e danneggiamento a sistema informatico.

Secondo gli investigatori, nel 2013, il ragazzo riuscì ad hackerare otto domini collegati all’agenzia spaziale americana, rimpiazzando la pagina di accesso al sito con una falsa (il cosiddetto “defacement“). Un colpo che lui stesso ha poi rivendicato sui social con i compagni del “Master italian hacker team“, una comunità nota per aver già realizzato diversi attacchi a siti istituzionali, guadagnando una certa notorietà. Proprio le vanterie in rete, però, lo avrebbero tradito, permettendo agli investigatori del Centro nazionale anticrimine informatico della Polizia Postale di ricostruire il percorso seguito per realizzare l’attacco e individuare l’hacker.

Perquisendo l’abitazione del 25enne, gli agenti hanno trovato il materiale che ha permesso di attribuirgli i vari attacchi informatici. Di fronte all’evidenza, l’indagato ha ammesso le proprie responsabilità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fascismo a Savona, lapide ricorda le camicie nere. Ad arrendersi sono la memoria e lo Stato

prev
Articolo Successivo

Genova, fischi e urla al corteo di sfollati e commercianti verso i politici: “Apriteci le strade, vogliamo risposte”

next