La capogruppo di Forza Italia al Senato Anna Maria Bernini è stata pizzicata a votare per la sua vicina (Licia Ronzulli). Era in corso la votazione (segreta) per la ratifica di due trattati siglati con gli Emirati Arabi Uniti nel settembre del 2015. Il gesto della senatrice non è passato inosservato e ha scatenato la protesta dei senatori del Movimento 5 Stelle. In particolare è stato Giovanni Endrizzi (M5S) a segnalare l’accaduto: “Non so se il collega sia presente in Aula – ha detto -, ma c’è qualcuno che vota al suo posto. Evitiamo queste cose”.

Il presidente di turno, Roberto Calderoli, ha redarguito l’Aula: “Traduco per chi non avesse ascoltato: i pianisti è meglio li facciano con il pianoforte e non ai banchi del voto”. Dopo le proteste del M5s è stato annullato il voto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

X Factor, Fedez: “Asia Argento? Io la terrei, è una delle scelte più azzeccate come giudice donna”

next
Articolo Successivo

Salvini ironizza su assenze opposizioni, bagarre in Aula. E Carfagna lo rimprovera: “Le regole valgono anche per lei”

next