C’era una volta Provvidenza. Che ora non c’è più, spazzata via dal terremoto, sostituita a valle da “Nuova Provvidenza”, ma non è la stessa cosa. Lo sa bene Elia, l’ultimo abitante del vecchio borgo, un resistente al di là della vita e della morte, oltre l’apocalisse e la fantascienza che celebra quel “the last man on Earth”. Elia sopravvive e si nutre della Memoria di Provvidenza, perché questo è Il Bene Mio. Ecco il titolo perfetto al secondo lungometraggio di finzione di Pippo Mezzapesa, cineasta pugliese capace di leggere nelle pieghe della solitudine dei suoi personaggi resilienti e diversamente eroici. Se ci aveva incantato con il documentario creativo in dittico sul becchino “per vocazione” Pinuccio Lovero sulle stesse atmosfere decadenti ma umanissime torna a commuoverci con un personaggio ancora più estremo, un Elia marziano, reso ancor più alienato da Sergio Rubini.

Il racconto, su soggetto originale di Mezzapesa, Antonella Gaeta e Massimo De Angelis, è semplice: Elia ha perso la moglie maestra nella scuola locale sotto le macerie del sisma al quale lui è sopravvissuto. Per il senso di colpa ma anche per la determinazione a mantenere il ricordo di Provvidenza e di tutti coloro che sono scomparsi sceglie di non abbandonare il paese, continuando ad abitare la propria dimora in solitudine e accogliendo unicamente l’aiuto dell’amica Rita (Teresa Saponangelo) che costantemente gli porta la spesa e l’amicizia del sodale Gesualdo (Dino Abbrescia) con cui condivideva un piccolo tour operator. Ma per il sindaco è tempo che Elia lasci il borgo, troppo pericoloso troppo fatiscente. All’opposizione dell’uomo inizia una doppia resistenza per il “sopravvissuto” anche a causa di un nuovo segreto che custodisce nelle stanze di casa.

Quello confezionato dal regista di Bitonto e presentato fuori concorso alle veneziane Giornate degli Autori, è un film politico nel senso più antico del termine: il bene “mio” è di fatto un bene “nostro”, un patrimonio condiviso della memoria che il singolo si incarica di garantire oltre la consapevolezza dei suo compaesani. Senza rivelare il finale, tra i più commoventi e riusciti delle opere viste in Mostra ma degli ultimi titoli italiani tout court, Il Bene Mio riesce a portare l’attualità (ogni situazione post emergenziale di cui l’Italia è ferita..) dentro la poesia e viceversa, innalzando la capacità del Bene come valore contro ogni indifferenza. Da proteggere infatti, sono i luoghi dell’anima, portatori di una memoria che ci parla del passato quale imprescindibile punto di partenza per costruire nuovi futuri, magari più stabili. Il film sarà nelle sale italiane dal 4 ottobre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stelvio Cipriani morto, addio al maestro che compose la colonna sonora di Anonimo veneziano

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco, un uomo di parola: il film di Wim Wenders spiega perché Bergoglio a molti non piace

next