Un ministro dell’Interno, sarebbe il settimo esponente del governo, che vuole lasciare Emmanuel Macron. E un ex primo ministro che ha salutato l’Assemblea Nazionale per l’ultima volta. Sono ore di confusione e polemiche per la politica francese. Da una parte Gérard Collomb, uno degli ex fedelissimi del presidente della Repubblica, ha ribadito di voler lasciare la sua poltrona per tornare a Lione e correre (di nuovo) da sindaco: la richiesta era stata fatta già ieri, ma Macron aveva respinto l’ipotesi rinnovando la sua fiducia per il ministro. Dall’altra Manuel Valls, l’ex primo ministro socialista, si è presentato per l’ultimo discorso ai parlamentari: si trasferisce a Barcellona, sua patria natale, per provare a diventare il nuovo primo cittadino alle amministrative di maggio 2019. In Aula oggi è intervenuto per l’ultima volta ed è stato applaudito, ma pure contestato dai deputati della France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon che dai loro banchi hanno mostrato cartelli con la scritta “Buon trasloco”.

Se la vicenda di Valls in Francia sembra ormai chiusa, rimane aperta la crisi che coinvolge il ministero dell’Interno. Collomb, dopo un giorno di tensioni e polemiche, ha confermato a Le Figaro che intende andare avanti con le dimissioni. Se Macron ha già respinto l’ipotesi, il primo ministro Edouard Philippe ha lasciato intendere che potrebbe esercitare pressione su Macron per individuare un sostituto. “Eserciterò le mie piene funzioni costituzionali, difenderò la sicurezza del popolo francese e porrò le necessarie decisioni davanti al presidente della repubblica”, ha detto. Il problema per l’esecutivo è che si tratta del settimo addio dall’inizio della presidenza Macron. Prima di lui infatti ci sono stati il ministro della Coesione territoriale Richard Ferrand; il ministro della Giustizia François Bayrou; la ministra degli Affari europei Marielle de Sarnez; la ministra della Difesa Sylvie Goulard; il ministro all’Ambiente Nicolas Hulot; la ministra dello Sport Laura Flessel.

Nelle scorse ore Macron aveva respinto la richiesta di dimissioni specificando: “Di fronte agli attacchi che hanno preso di mira il ministro da quando ha confermato che sarebbe stato candidato al Comune di Lione, il presidente gli ha rinnovato la fiducia e gli ha chiesto di rimanere totalmente dedicato alla sua missione per la sicurezza dei francesi”. Collomb aveva annunciato il 18 settembre di voler lasciare il governo per presentarsi alle comunali di Lione nel 2020, assicurando che si sarebbe dimesso dopo le Europee di maggio prossimo. Ma diverse sono state le polemiche da allora, per chiedere le dimissioni immediate del ministro dell’Interno. Collomb nei mesi scorsi aveva pubblicamente criticato la “mancanza d’umiltà e di ascolto nei confronti del governo” da parte di Macron. In queste settimane la popolarità del presidente della Repubblica è data sempre più in calo.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, undici fermati in blitz antiterrorismo a Grande-Synthe. “Sostenevano gruppi jihadisti”

next
Articolo Successivo

Turchia, confermato l’ergastolo per cinque giornalisti e un accademico. Sono accusati del tentato golpe del 2016

next