“Non mi aveva detto niente”. L’attore Alessandro Gassmann commenta così la decisione del figlio Leo di partecipare a XFactor. “Si è presentato da me con la faccia di chi doveva dirmi qualcosa. Gli ho chiesto se aveva messo incinta qualcuna, se aveva menato qualcuno, se aveva una brutta malattia. A quel punto mi ha detto che aveva passato i provini dei giudici”, ha raccontato l’attore in un’intervista al Corriere della Sera, spiegando di aver saputo che il figlio aveva partecipato ai provini per il talent di Sky solo a cose fatte.

Con i ricci scuri un po’ spettinati e i lineamenti del viso che ricordano molto quelli del padre, Leo Gassmann è salito sul palco imbracciando la sua chitarra: “Sono qui per cercare la mia strada”, ha detto, e provare di fatto a “riprendermi la mia vita, fortunata, ma impegnativa”. Poi si è esibito con Freedom, il brano da lui scritto e “dedicato a tutte quelle persone che cercano e lottano per ottenere la loro libertà”. Unanime il “si” dei quattro giudici per lui: con il suono ruvido della chitarra in contrasto con le parole dolci del testo da lui scritto ha conquistato anche l’approvazione di Asia Argento. L’attrice e regista si è infatti riconosciuta nella storia del giovane Gassman, consapevole della fatica di affrancarsi da un cognome ingombrante. Emozionato anche il padre Alessandro che però dice: “La sua missione, lui lo sa, è finire l’università, però sono contento. È un bravo ragazzo, non fa il saccente, è educato e perbene. Sono orgoglioso di lui”, conclude l’attore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Jefferson Airplane, morto il fondatore e cantante Marty Balin. Grace Slick: “Abbiamo perso una leggenda”

next