In Italia se sei minimamente bellina, sei di buona famiglia, puoi anche essere il genio dei geni ed aver studiato tutto, ma se hai un po’ di tette e sedere sei una…”. Elettra Lamborghini riassume così al sito davidemaggio.it la carriera da cantante e personaggio tv nel nostro showbiz. In attesa di rivederla dal 26 settembre su MTV (da mercoledì alle 22.50, canale 130 Sky) a condurre l’edizione italiana di Ex On The Beach, l’erede del celebre marchio di auto bolognese racconta diversi dettagli della sua vita.

Dal lavoro che avrebbe voluto fare da bimba (“la veterinaria perchè amo gli animali, però poi ho cambiato, volevo fare la biologa, spararmi quegli otto anni di medicina senza operare nessuno”), al “bibitone di vitamine” per riprendersi da un jet leg stordente, fino al motivetto musicale composto a 5 anni sulla Barbie. “Quando guardavo il Grande Fratello, pensavo: “perché sta gente piange?”. Sta lì a non fare niente, ti pagano e piangi? – ha raccontato la Lamborghini ricordando la sua partecipazione al GF spagnolo – Ed invece quando ho fatto il Grande Fratello in Spagna, piangevo tutti i giorni nonostante io sia molto forte e non pianga mai, nemmeno se mi tagli un braccio. Vorrei poter piangere per sfogarmi ma non piango”.

Confermata comunque la cancellazione a qualsivoglia reality italiano nei prossimi anni, ora la Lamborghini, classe ’94, 42 piercing sul corpo, si concentra s Ex on the beach. Al centro del programma 8 single molto attraenti che penseranno di essere i protagonisti di un reality in una location da sogno, e 12 ex che spunteranno dalle acque cristalline del mare thailandese, pronti a rompere le uova nel paniere. Elettra sarà la narratrice d’eccezione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Asia Argento, il padre Dario: “Weinstein ha lanciato questo ragazzo contro Asia”. E anche mamma Daria commenta su Twitter

next
Articolo Successivo

Crozza-Toninelli a Che fuori tempo che fa svela con entusiasmo il suo progetto per il ponte di Genova

next