In Italia se sei minimamente bellina, sei di buona famiglia, puoi anche essere il genio dei geni ed aver studiato tutto, ma se hai un po’ di tette e sedere sei una…”. Elettra Lamborghini riassume così al sito davidemaggio.it la carriera da cantante e personaggio tv nel nostro showbiz. In attesa di rivederla dal 26 settembre su MTV (da mercoledì alle 22.50, canale 130 Sky) a condurre l’edizione italiana di Ex On The Beach, l’erede del celebre marchio di auto bolognese racconta diversi dettagli della sua vita.

Dal lavoro che avrebbe voluto fare da bimba (“la veterinaria perchè amo gli animali, però poi ho cambiato, volevo fare la biologa, spararmi quegli otto anni di medicina senza operare nessuno”), al “bibitone di vitamine” per riprendersi da un jet leg stordente, fino al motivetto musicale composto a 5 anni sulla Barbie. “Quando guardavo il Grande Fratello, pensavo: “perché sta gente piange?”. Sta lì a non fare niente, ti pagano e piangi? – ha raccontato la Lamborghini ricordando la sua partecipazione al GF spagnolo – Ed invece quando ho fatto il Grande Fratello in Spagna, piangevo tutti i giorni nonostante io sia molto forte e non pianga mai, nemmeno se mi tagli un braccio. Vorrei poter piangere per sfogarmi ma non piango”.

Confermata comunque la cancellazione a qualsivoglia reality italiano nei prossimi anni, ora la Lamborghini, classe ’94, 42 piercing sul corpo, si concentra s Ex on the beach. Al centro del programma 8 single molto attraenti che penseranno di essere i protagonisti di un reality in una location da sogno, e 12 ex che spunteranno dalle acque cristalline del mare thailandese, pronti a rompere le uova nel paniere. Elettra sarà la narratrice d’eccezione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Asia Argento, il padre Dario: “Weinstein ha lanciato questo ragazzo contro Asia”. E anche mamma Daria commenta su Twitter

prev
Articolo Successivo

Crozza-Toninelli a Che fuori tempo che fa svela con entusiasmo il suo progetto per il ponte di Genova

next