Alla Juventus sono serviti due rigori imparabili di Miralem Pjanic e una prodezza di Szczesny che, al ’95, ha neutralizzato il penalty di Parejo per espugnare il Mestalla di Valencia. Due gol che regalano ai bianconeri i primi tre punti nel girone e danno il via alla corsa della squadra di Massimiliano Allegri verso la fase a eliminazione della Champion’s League. Ma la partita di mercoledì sera era attesa anche come l’esordio di Cristiano Ronaldo in bianconero sul palcoscenico europeo. Un esordio macchiato da un cartellino rosso arrivato troppo presto (e troppo severo) che ha rinviato l’esordio del portoghese nelle notti “stellate” a data da destinarsi. E gli sfottò social non si sono fatti attendere, soprattutto in Spagna: “Florentino (Perez, presidente del Real Madrid, ndr), dove sei?”, si legge in uno dei vari meme circolati.

L’espulsione di Ronaldo non è però un semplice episodio nel contesto dell’intera partita, perché arrivata dopo appena 29 minuti, con le squadre ancora in parità. Inserimento in area del portoghese, leggero contatto con l’ex Inter Murillo che si butta a terra. Il cinque volte Pallone d’Oro non ci sta e si avvicina al difensore colombiano, gli urla di non simulare e lo afferra leggermente per i capelli, un gesto al massimo punibile con un giallo. Il giocatore del Valencia scatta in piedi e ne nasce un breve battibecco senza conseguenze. Ma l’arbitro di linea, come si leggerà poi dal labiale, suggerisce all’arbitro: “Gli ha tirato i capelli, è da cartellino rosso”. E rosso sia, con Ronaldo che esce quasi in lacrime ripetendo “non ho fatto niente”.

Quelle lacrime hanno scatenato l’ironia social, soprattutto in Spagna, dove anche i media tradizionali sia di marca madridista che blaugrana si sono per la prima volta coalizzati contro il portoghese. “Cristiano ha visto il rosso ed è uscito in lacrime”, è il titolo in taglio alto di Marca, quotidiano vicino al Real, sua ex squadra, in prima pagina. Titolo simile anche sul quotidiano catalano As, che negli ultimi anni non ha certo risparmiato critiche e prese in giro all’ex stella dei Blancos: “Cristiano, espulsione e pianto”, titola il giornale.

Ma gli sfottò più feroci si trovano sui social network e sono decine i meme già in circolazione. Alcuni parlano della “vendetta” del suo ex presidente, Florentino Perez, per quell’addio mal digerito e dato, all’improvviso, in diretta tv subito dopo essere diventato nuovamente campione d’Europa con le Merengues. “Brych, fai in modo che Cristiano capisca che fuori dal Real Madrid fa molto freddo”, si legge in un’immagine con il patron madridista al telefono. E collegata ne circola un’altra con Ronaldo in lacrime e la scritta “Questa è la tua faccia quando ti rendi conto che adesso vieni sanzionato per le tue aggressioni”.

Poi, oltre al busto di Ronaldo a Madeira in lacrime, l’attenzione si sposta sulla volontà del portoghese di correre per diventare capocannoniere della Champion’s League: “Quando ti espellono, e dopo qualche minuto fischiano due rigori per la tua squadra”, si legge in un altro meme, in riferimento al fatto che Cr7 è il rigorista bianconero.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vicenza, 16enni in short e maglietta come raccattapalle allo stadio. Associazione di atlete scrive a Coni e Figc: “Indecente”

prev
Articolo Successivo

Juventus, Emre Can: “Cristiano Ronaldo espulso per la tirata di capelli? Non siamo donne, giochiamo a calcio”. Poi si scusa

next